UN RICORDO DELLA MIA INFANZIA…

Questa bellissima poesia, in dialetto siciliano, è un piacevolissimo “cameo” che si propone a tutti coloro che amano il proprio paese natio, ma anche a quanti hanno la fortuna di vivere a latitudini più “favorevoli”, ovvero nell’entourage della Città della Scala dei Turchi.

Pubblichiamo quindi una poesia della concittadina Anna Pilato, scritta all’età di 28 anni, con la quale nel 1993 ha anche vinto un premio.

Nella poesia, scritta in siciliano, la Pilato ricorda la sua infanzia in quella terra che loro in famiglia (amici e parenti), ma anche molti realmontini (fra i quali anche i miei genitori), chiamano “A Marchisa”.

Figlia d’arte, suo padre era “Ciccu Pilatu u pueta”, detto anche “Ciccu Sarbaggiu”, Anna Pilato attualmente vive a Frosinone, ma spesso si reca a Realmonte per periodi di vacanza, a trovare parenti ed amici.

 

A Marchisa
Ci pensu ancora quannu nicaredda
iva currennu o caminava tisa
‘nmezzu a terra a Marchisa.
Ci pensu ancora, comu fussi ora.
Cugliva sciuri i maiu, pi cullaneddi
satava arbula, parlava cu a cani
iucava a naca, assicutava aceddi.
E quannu la matina
faciva li capricci pi mangiari
cu cicaruni me matri mischina
mi cunnuciva fina ‘mpacci o mari.
Assittata a lu limmitu o a la grata
iu taliava di tutti li latati, 
pinsannu ca manciannu po arrivava
a navi cu i caramelli e ciccolati.
E puru ora
scinnennu cu la machina a Marchisa
taliu ancora si c’è quarchi cosa.
Taliu u suli scinniri ‘nto mari
m’innannamuru di la Scala e Turchi
e m’arricriu u cori. 
E senza ciccolati o caramelli
c’è quarchi cosa duci:
 resta u ricordu di ddi iorna belli!
Anna Pilato

 

About the author: Pascal McLee

La mia vita in due parole… Dopo aver frequentato la Scuola Superiore in Liguria, mi sono trasferito a Torino, dove ho seguito gli studi universitari di Ingegneria Elettronica al Politecnico. Ritornato in Liguria, attualmente il mio lavoro è in stretta correlazione con il web ed i computer. Mia moglie ed io viviamo nella verde Garlenda, in Liguria, provincia di Savona.