MISCATI CU I PASSULUNA

Le Miscati cu i passuluna costituiscono una semplice pietanza tradizionale della gastronomia realmontina, un piatto spartano negli ingredienti e che non richiede particolari abilità culinarie per la sua preparazione. La fragranza e la squisitezza nel gustarlo fanno riaffiorare tutti i ricordi di una cultura mediterranea.

#miscati | #sicily | #realmonte | #food | #sicilianfood | #instafood

La semplicità e l’appetibilità delle Miscati cu i passuluna, pietanza tipica di Realmonte, sono il punto forte di questa ricetta, che presenta molte varianti nella farcitura. Sono dei pani ripieni, un tempo preparate in casa nei periodi di festa, ma che oggi si preparano e si mangiano in tutti i periodi dell’anno. L’ingrediente “principe” è costituito dalle olive nere preparate in salamoia, dette appunto “passuluna”.

Seguiamo quindi i passi per prepararle, aiutandoci con la ricetta tradizionale, reperita fra i parenti originari di Realmonte, dalla cara Francesca Monachino,

 RICETTA

Ingredienti

Per la pasta

  • 500 g. di farina 00
  • 300 ml. di acqua tiepida
  • 25 g. di lievito di birra
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • un cucchiaino di zucchero
  • sale q. b.

Per il condimento

  • olive nere denocciolate

Preparazione

Per prima cosa versare tutta l’acqua lievito l’olio e lo zucchero in una ciotola. Aggiungere poco a poco la farina, mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere il sale. Quando l’impasto sarà sostenuto, ribaltare su una spianatoia e continuare ad impastare con le mani fino a ottenere una palla liscia. Far lievitare per quasi due ore.

Non appena l’impasto sarà lievitato, dividerlo in due parti e stendere con l’aiuto di un mattarello in una sfoglia spessa circa 5 mm. Spargere sopra l’impasto le olive ed un giro di olio. Arrotolare la pasta fino a formare un salsicciotto, chiudendo bene le estremità. Tagliare dei cilindri dello spessore di 6 cm. Rotearli per dare una forma rotonda come panini.

Metterli su una teglia foderata di carta da forno, distanziandole di qualche centimetro e cuocere in forno statico a 200 gradi per 30 minuti.


Materiali e attrezzature specifiche utilizzate per la preparazione e il condizionamento:

  • Nessuna attrezzatura specifica.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura:

  • Idonei ambienti domestici o cucine di ristoranti.

Elementi che comprovino che le metodologie siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni:

  • Trasmissione orale delle tradizioni gastronomiche del territorio e dei relativi metodi di preparazione della pietanza, da circa quattro generazioni, testimoniate da anziane casalinghe realmontesi.

Alcune immagini della preparazione delle Miscati cu i passuluna

<

p style=”text-align: justify;”>Fonti
La ricetta è stata tramandata verbalmente da diverse generazioni.
Si tratta di una specialità esclusiva dell’agrigentino. La denominazione di Miscati può variare in ‘Mmiscati, Ammiscati, ‘Mbriulati, Mignolati, ‘Mpignolati.
La preparazione e gli ingredienti utilizzati possono variare secondo la zona di origine, ma soprattutto secondo il gusto del cuoco o della cuoca.

Condividi su

About the author:

La mia vita in due parole... Dopo aver frequentato le scuole superiori in Liguria, mi sono trasferito a Torino, dove ho seguito gli studi universitari di Ingegneria Elettronica al Politecnico. Ritornato in Liguria, attualmente il mio lavoro è in stretta correlazione con il web ed i computer. Mia moglie ed io viviamo nella verde Garlenda, in Liguria, provincia di Savona.