IL COMUNE ED IL FAI RENDONO GRANDE IL BELVEDERE

Dal 9 agosto 2017 il Belvedere che si affaccia sulla Scala dei Turchi sarà ancora più grande. Mercoledì verrà infatti inaugurato un ulteriore spazio che si affaccia sulla scogliera di marna bianca, offrendo così nuovi scorci e panorami.

È quindi tutto pronto per il “varo” della seconda tranche del nuovo belvedere sulla panoramica Realmonte-Porto Empedocle. Si compie così l’intervento di riqualificazione e valorizzazione di una cospicua porzione dell’area della Scala dei Turchi, uno tra i paesaggi più belli e suggestivi d’Italia, che si è trasformato da simbolo di scempio paesaggistico a luogo di tutela e di riscatto, grazie alla volontà del Comune di Realmonte ed alle sollecitazioni del FAI (Fondo Ambiente Italiano) legittimate dai voti raccolti nel 2008 durante la quarta edizione de “I Luoghi del Cuore”, il censimento nazionale promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Un intervento che ha restituito dignità a un monumento della natura vivo: lo straordinario sperone di marna bianca modellato, nel corso dei secoli e ancora oggi, dall’erosione del vento e del mare in forma di una gigantesca spettacolare candida scalinata, monumento più visitato ad Agrigento dopo la Valle dei Templi.

A coronamento di un’estate di successi per la Scala dei Turchi di Realmonte, ormai divenuta simbolo della bellezza sciliana, il nuovo belvedere che offrirà ai turisti un nuovo e affascinante punto di vista sul mare e sul bene candidato a divenire patrimonio dell’UNESCO.

Grande più del doppio rispetto a quello inaugurato nel 2016, costruito dove prima sorgeva un immobile abusivo, il nuovo belvedere rappresenterà ancora una volta la vittoria del bello sugli abusi dell’uomo. Il lavoro del FAI, amministrato in provincia da Giuseppe Taibi, e del Comune di Realmonte, che ha nel suo sindaco Lillo Zicari uno dei promotori dello sviluppo turistico nella piccola cittadina agrigentina, hanno portato in pochi mesi ad acquisire il terreno circostante il belvedere già esistente, divenuto meta fissa per i turisti, per dare la possibilità di ammirare ancora meglio la Scala dei Turchi.

Il progetto della nuova location, il cui nastro verrà tagliato il 9 agosto, sarà alla stregua del primo: staccionata in legno, sabbia e panchine nel rispetto dell’ambiente e dello spazio circostante. Come promesso dal sindaco Zicari già all’inaugurazione del primo belvedere, il secondo arriva entro il 2017, grazie all’impegno profuso dall’amminstrazione comunale che però non ha intenzione di fermarsi e vuole continuare nel progetto di rendere l’area un posto unico, magari convertito a isola pedonale, per lasciare spazio libero ai turisti e alle strutture alberghiere che sempre con maggiore frequenza nascono nei pressi della terrazza.

Video correlati


Liberare la bellezza Taibi il FAI e la Scala dei Turchi
26 luglio 2017

Il vice presidente regionale del FAI Giuseppe Taibi al microfono di Alfonsa Butticè parla della menzione alla Scala dei Turchi nell’ambito del “Premio del Paesaggio” del Consiglio d’Europa.
Video “Liberare la bellezza”: un processo virtuoso per il paesaggio della Scala dei Turchi; il lavoro che ha portato alla presentazione della candidatura, in data 20 Dicembre 2016 ad opera del Comune di Realmonte con la collaborazione di FAI e CUPA (Prof.ssa Valeria Scavone coordinatrice dei giovani architetti impegnati nel progetto)
#in3minuti

Cerimonia di inaugurazione ampliamento belvedere Scala dei Turchi
9 agosto 2017

Al microfono di Alfonsa Butticè il Prefetto Diomede, la delegata FAI Lanza, l’assessore Emanuele Fiorica, il dirigente generale ESA Marino e Salvatore Gaziano dell’ufficio di Gabinetto dell’Assessorato Regionale Agricoltura.

#in3minuti | #oltre3minuti 

About the author: Pascal McLee

La mia vita in due parole… Dopo aver frequentato la Scuola Superiore in Liguria, mi sono trasferito a Torino, dove ho seguito gli studi universitari di Ingegneria Elettronica al Politecnico. Ritornato in Liguria, attualmente il mio lavoro è in stretta correlazione con il web ed i computer. Mia moglie ed io viviamo nella verde Garlenda, in Liguria, provincia di Savona.