ALLA SCALA DEI TURCHI SI ARRIVA ANCHE IN TRENO…

Domenica 22 maggio l’associazione “Ferrovie Kaos” di Porto Empedocle, in collaborazione con la Fondazione FS Italiane, ha organizzato il primo “Treno storico della Scala dei Turchi”. Tale evento è stato supportato anche dall’associazione Treno D.O.C. di Palermo.

Il convoglio è partito alle 7.50 da piazza Giulio Cesare alla volta del litorale realmontino.
Per la prima volta è stata offerta al pubblico, la possibilità di raggiungere la celeberrima “Scala dei Turchi”, decantata nei romanzi di Andrea Camilleri (famosissimo personaggio del panorama letterario italiano, empedoclino di nascita e presidente onorario di Ferrovie Kaos) e più recentemente dalla fiction con protagonista il Commissario Montalbano, interpretato da Luca Zingaretti. Si è trattato di un evento di portata nazionale, considerato che ha permesso ai partecipanti di esplorare uno dei luoghi più incantevoli del pianeta e, al contempo, di trascorrere una giornata nell’incontaminato mare della costa realmontina. I più curiosi ed intraprendenti hanno avuto anche modi di fare visita alla rinomata Valle dei Templi, al prospiciente Giardino della Kolymbetra e all’area archeologica.
 
Il programma completo

La partenza è stata programmata per le ore 7.50 di domenica 22 maggio 2016 dalla stazione di Palermo C.le. Il treno storico, inoltre, ha effettuato fermata nelle stazioni di Bagheria, Termini Imerese, Roccapalumba / Alia e Cammarata / San Giovanni Gemini. Prevista anche una fermata presso la stazione di Agrigento Bassa. Da qui ha quindi iniziato la discesa nella Ferrovia turistica dei Templi. La prima fermata programmata è presso il Tempio di Vulcano: i passeggeri hanno potuto quindi optare per una visita alla Valle dei Templi, piuttosto che raggiungere la Scala dei Turchi. Scendendo dal treno i viaggiatori sono stati accolti dal personale del Giardino della Kolymbetra. La prossima destinazione del convoglio è stata la stazione di Porto Empedocle Succursale con arrivo alle 11 circa: dopo una breve pausa di 10 minuti, degli autobus hanno condotto i visitatori fino alla spiaggia della Scala dei Turchi, distante circa 8 minuti dalla stazione. I visitatori hanno avuto dunque quasi 6 ore di tempo libero per godersi lo splendido scenario della scala di marna bianca modellata dal vento e dal mare nei secoli, per fare un tuffo, prendere il sole, o pranzare in uno dei ristoranti della zona. Nel pomeriggio tra le 15.30 e le 16.00, il ritorno a Porto Empedocle, dove, a cura dell’associazione MariTerra, si è svolta la manifestazione “Pilaja Project”, che ha avuto luogo nel piazzale attiguo alla Torre di Carlo V. A disposizione, inoltre, tempo libero per visitare il centro storico di Vigata, con il suo splendido porto e le attività commerciali del centro. Alle 18.05 si è tornati in carrozza: dalla stazione di Porto Empedocle Succursale, ubicata in pieno centro, il treno ha ripercorso la Ferrovia turistica dei Templi per far ritorno a Palermo C.le, ove è giunto alle 21 circa.

Promotrice dell’iniziativa l’Agenzia GlobalSEM Viaggi di Palermo.

Per ulteriori info, consultare il sito internet www.ferroviekaos.it o contattare l’indirizzo info@ferroviekaos.it.

Links correlati


About the author: Pascal McLee

La mia vita in due parole… Dopo aver frequentato la Scuola Superiore in Liguria, mi sono trasferito a Torino, dove ho seguito gli studi universitari di Ingegneria Elettronica al Politecnico. Ritornato in Liguria, attualmente il mio lavoro è in stretta correlazione con il web ed i computer. Mia moglie ed io viviamo nella verde Garlenda, in Liguria, provincia di Savona.